itzh-CNenfrdejaptrues

Benvenuto!

Postato in Non categorizzato

Il tempo passa, e cambia ogni cosa...

Eppure io sono ancora qui, a scrivere (male) e a perdere tempo... e tu sei ancora qui a leggere, e a perdere il tuo tempo insieme con me.

Probabilmente conoscerai lati di me (se sarai davvero attento, e se non ti stancherai dopo le prime orribili righe) che molti ignorano... mi scuso in anticipo se questo dovesse urtare la tua sensibilità... e se invece trarrai piacere da ciò che stai per leggere... ebbene, mi scuso anche di quello!!

Spesso mi sono chiesto...

Postato in Versi

Non sarà troppo quello che dico?
Non sarà troppo quello che chiedo?
Troppo strano?
Troppo diverso?
Troppo intenso?
Troppo... irreale (o irrealizzabile)?

Se nascondessi dentro di me
quello che a volte spaventa anche me stesso,
sicuramente allontanerei meno persone,
sicuramente traccerei un cerchio più vasto,
sicuramente otterei più consensi,
sicuramente ce la farei...

Se lo facessi, però mi chiedo,
chi sarebbe ad avvicinarsi a quelle persone?
Chi sarebbe a tracciare quel cerchio?
Chi sarebbe quello che otterrebbe quei consensi?

Non credo che sarei davvero io,
perchè il mio vero io sarebbe nascosto,
in ombra, lontano dagli sguardi,
al sicuro, impossibilitato a spaventare me stesso,
impossibilitato a spaventare gli altri.

Non sarei davvvero io,
perchè quello che andrei a dire,
quello che andrei a dare,
quello che andrei a fare,
sarebbe solo una metà.. una metà di me,
una metà che "inventerebbe",
che disegnerebbe necessariamente
l'altra metà, così da poter fingere almeno di
stare in piedi, seppur zoppicante.

Non è troppo quello che dico?
Non è troppo quello che chiedo?
Potrei essere la metà di me stesso,
ed inventare l'altra metà,
come spesso in realtà già faccio,
ma questa vita vissuta a metà,
quale gioia potrà mai dare?

Troppo strano? Forse, per alcuni
Troppo diverso? Sicuramente, dalla maggior parte
Troppo intenso? molto spesso anche per me stesso
ma...
Irreale?
Non sarebbe invece irreale l'altra metà
che dovrei inventare
se nascondessi questo me stesso?
Irrealizzabile?
Non sarebbe invece irrealizzabile una vita
in piedi, cercando di camminare
su una sola gamba, perchè l'altra
è stata nascosta, per paura...

Spesso mi pongo queste domande
mentre, stanco, arranco
sulla mia unica gamba...

(11/06/2017)

Freak

Postato in Versi

C'è chi colleziona il bello, l'arte raffinata,
il particolare ricercato, il decoro sfarzoso,
chi ama circondarsi di cose che appagano gli occhi,
nutrono la mente e placano per un attimo il cuore.

C'è chi colleziona il buono , i sapori delicati,
il cibo prelibato e il piatto inconsueto,
chi ama nutrirsi di cose che appagano il palato,
riempiono lo stomaco e placano per un attimo il cuore.

C'è chi colleziona l'amore, il pensiero positivo,
l'amico affezionato e lo spasimante infatuato,
chi ama circondarsi solo di stimoli che rassicurano,
che cullano l'ego e placano per un attimo il cuore.

E infine c'è chi, come me, è attratto dall'orrido,
dall'insolito, dal difficile, dal diverso,
da ciò che è macabro, o grottesco, o solo anomalo.

Chi nutre la mente con questo cibo indigesto,
chi riempie lo stomaco di ciò che lo farà rivoltare,
chi culla il proprio ego con ciò che lo umilierà, e lo abbatterà.

Chi vede in ognuna di queste cose il riflesso unico
della luce del mondo, l'arcobaleno cangiante che ne scaturisce,
la profondità a cui può arrivare chi non placa il suo cuore,
ma lo sprona, lo sfida, lo pungola,
anche se spesso contro la propria stessa volontà, per puro,
semplice istinto.

Non cerco il bello,
ed il bello non cercherà mai me.
Non cerco il buono,
ed il buono non cercherà mai me.
Non cerco l'amore...

No, non è vero.
Lo cerco, ma per vie che pochi sanno percorrere,
o vogliono anche soltanto considerare.
Eppure, proprio su quei sentieri,
abbandonati, in rovina, cadenti ed ostili,
esso assume le forme più profonde,
che non durano solo un attimo,
che non placano per un istante il cuore,
ma lo spingono e lo spronano,
sempre più forte, sempre più a fondo, sempre più nel profondo...

(16/10/2016)

Beatitudine

Postato in Versi

Sii uguale agli altri,
conformati,
ubbidisci,
rispetta l'autorità, non solo quella dello stato,
ma quella dei tuoi padri
e di coloro che hanno insegnato ai tuoi padri.
Non distinguerti,
nell'aspetto e nel comportamento,
eccelli solo in ciò che altri ritengono importante,
non investire energia su ciò che piace "solo a te",
non uscire dalle regole stabilite dalla società,
appari sempre sereno e piacevole,
discuti solo su ciò che altri discutono,
metti in dubbio solo ciò che il tuo gruppo di nascita mette in dubbio,
cerca di entrare solo nei gruppi che coloro che ti sono vicini
trovano interessanti, giusti, adatti, attraenti...
Adatta te stesso, il tuo aspetto, il tuo pensiero,
il tuo respiro, il tuo cuore, i tuoi sentimenti,
adatta te stesso a ciò che ti circonda,
e sarai felice,
e sarai amato, accettato, invitato, cercato...
Ignora ciò che senti,
ignora ciò che potresti essere "altrove",
ignora ciò che avresti potuto essere "se solo..."
Ignora,
ignora tutto ciò che esula dal LORO mondo,
poichè l'ingoranza è beatitudine,
non solo felicità.
Sii beato.
Non felice.

 

(19/06/2016)